Notizie
LE TARIFFE 2013 •PDF• •Stampa• •E-mail•

Sono state pubblicate sul Bollettino della Regione Lazio il 29 gennaio u.s. le nuove tariffe 2013 da applicarsi  nell'ATO4.

La determinazione delle tariffe è passata per competenza all'AEEG, ovvero l'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas a seguito dello scioglimento delle ATO al 31 dicembre 2012.

Questo fatto  non suscita nei consumatori alcuna aspettativa, anzi a ben vedere come viene gestita dall'AEEG  l'energia in Italia e quali sono i costi relativi in perenne aumento sempre scaricati sugli utenti, c'è da preoccuparsi seriamente. Ad esempio prendiamo il metano: la materia prima diminuisce, il costo pagato al produttore è un segreto di stato, il costo all'utente è in perenne aumento perchè agganciato ai carburanti!! Questa è un esempio semplicistico, ma estremamente indicativo di come vengono trattati i cittadini.

Le tariffe ATO4 comunque sono pubbliche e potete leggerle CLICCANDO QUI. Ovviamente è in piena contestazione l'aliquota del 7% depennata dal referendum ma esplicitamente addebitata finora. Per il 2013 si aspetta che l'AEEG decida in merito e dia istruzioni ai gestori per la restituzione delle somme pagate dal 21 luglio 2011 al 31dicembre 2012 secondo la sentenza del Consiglio di Stato n. 267 del 25 gennaio 2013.

Verranno restituite? In che modo? Quando? Domande al momento senza risposta, indiscrezioni di vario tipo che circolano ma che, specie in tempi di elezioni, vanno prese con le dovute cautele. Speriamo che l'AEEG non confonda l'acqua con il gas!

 
ARSENICO & DEROGHE •PDF• •Stampa• •E-mail•

Il 31dicembre 2012 è scaduta l'ultima deroga relativa al contenuto di arsenico nell'acqua.  Dal 1^ gennaio è tassativo il livello massimo di  10 microgrammi/litro stabilito dalla Unione Europea sulla base di vari studi clinici sui danni da arsenico.

Purtroppo la nostra regione è molto ben rifornita della tipologia di terreni che  provocano il fenomeno, tanto è vero che si sono dovute effettuare in ambito ATO4 numerosi interventi tecnici per risolvere il problema e portare il livello dell'arsenico nei limiti di legge.

Con l'entrata in funzione del dearsenificatore di Carano/Giannattola, l'intera ATO4 ha al momento i valori di arsenico entro i limiti di legge. E' la concluisone di un serio impegno per risolvere il problema che ha richiesto grossi investimenti ed un impegno tecnico ed economico notevole. Basti pensare che l'impianto di Carano/Giannattola è il più grande d'Italia ed il secondo in Europa.

L'attenzione comunque non deve attenuarsi in quanto l'arsenico è una minaccia costante dovuta a fattori idrogeologici variabili per cui i controlli vanno sempre effettuati regolarmente. A questo proposito ricordiamo che cliccando su questo indirizzo è possibile accedere alla pagina OTUC dedicata all'arsenico da dove sono raggiungibili i valori delle analisi  ufficiali ASL a partire dal 2007 e quelli rilevati da Acqualatina dal 2011 ad oggi.

 
31 DICEMBRE: SCADE IL TERMINE PER IL FONDO SOCIALE •PDF• •Stampa• •E-mail•

 

 

2013

Come è noto, le utenze disagiate di Acqualatina possono disporre di un credito per i consumi  ed ulteriori bonus.

Il 31 dicembre 2012 scade il termine di presentazione della domanda per accedere alla tariffa agevolata ed al  Fondo Sociale dell'Amministrazione Provinciale che dà diritto ad un contributo per la fornitura di acqua.

Ecco i dettagli da rispettare per la richiesta, dettagli che si possono inoltre leggere all'indirizzo:

www.acqualatina.it/Utenti/Tariffaagevolata/tabid/138/language/it-IT/Default.aspx.

Tutte le associazioni OTUC sono disponibili per informazioni ed assistenza.

 

COSA FARE

 

Per presentare richiesta di accesso all’agevolazione Lei dovrà:

  • compilare apposito modulo disponibile presso ciascuno degli sportelli territoriali Acqualatina S.p.A., oppure scaricabile qui
  • presentare copia della certificazione ISEE 2011
  • presentare copia fotostatica di un documento di identità valido.

L’agevolazione è annuale e, quindi, se vorrà usufruirne per gli anni futuri, sarà necessario rinnovare la richiesta ogni anno.

La scadenza per usufruire dell'agevolazione nell'anno 2013 è il 31 dicembre 2012.

In caso di mancata presentazione della richiesta entro il termine previsto, non sarà possibile usufruire dell’agevolazione per l’anno 2013 anche per coloro che ne hanno usufruito nel passato.

I CRITERI PER ACCEDERE ALL’AGEVOLAZIONE

Al fine di garantire la massima tutela dei nuclei familiari caratterizzati da maggior numero di componenti, la Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti dell’ATO n.4 ha modificato le modalità di accesso all’agevolazione:

Nel 2013 per usufruire dell’agevolazione sul pagamento dei servizi idrici Lei dovrà:

  1. Non possedere un’abitazione classificata nella categoria catastale A/1 (casa signorile), A/7 (villino), A/8 (villa), A/9 (castelli e palazzi di pregio artistico)
  2. Aver percepito nell’anno 2011 un reddito risultante dalla certificazione ISEE pari o inferiore a:
  • 6.000 euro, se il nucleo familiare è formato da 1 a 3 componenti
  • 7.000 euro, se il nucleo familiare è formato da 4 o più componenti
  • 10.000 euro, se il nucleo familiare è formato da 1 o 2 componenti, in cui almeno uno d’età pari o superiore a 65 anni

.

.

OTUC  Latina

 
CONVOCATO IL CONSIGLiO OTUC •PDF• •Stampa• •E-mail•

L'assemblea dell'OTUC è stata convocata con la seguente comunicazione:

 

Con la presente le SS.LL. in qualità di membro effettivo o, in caso di assenza, in qualità di membro supplente, sono convocate per il giorno 18/12/2012 p.v. alle ore 15,30 presso la  Provincia di Latina –Sala Loffredo - Via Costa,1 – Latina,  per esaminare il seguente O.d.G.:

 

  1. Prosecuzione dei lavori modifiche del regolamento servizio idrico integrato ;
  2. Modifica carta dei servizi;
  3. Risposte della A.D. Acqualatina alla diffida OTUC del 23 novembre u.s. ;
  4. Situazione rimborso degli addebiti per mancato utilizzo fognature e depurazione;
  5. Varie ed eventuali;

Le SS. LL. sono pregate di dare conferma della presenza.

 

Latina,11/12 /2012

 
IL COMITATO CON GLI OCCHIALI.... •PDF• •Stampa• •E-mail•

Latina,  10/12/2012

Con il solito pittoresco comunicato stampa, uno dei tanti  "Comitato Acqua Pubblica"   attacca la politica di recupero crediti di Acqualatina asserendo che le modalità applicate non corrispondono al Regolamento e alla Carta dei Servizi  e  provocano addebiti non dovuti agli utenti. Questa affermazione è verissima e condivisibile, quindi ben venga.

Peccato però che il comunicato  termini attaccando, more solito, l'Otuc e le sue associazioni definendole  tra l'altro "SPESSO MIOPI!"

Non si capisce per quale motivo questi autonominati "Comitati", e gli stravaganti personaggi che spesso ne manovrano le fila,  mostrino un livore estremo verso l'Otuc ignorando quanto questo fa a favore dell'utenza intervenendo sui regolamenti  e richiedendo continue modifiche  in accordo alle leggi vigenti ed agli interessi dell'utenza.

Nel caso in questione il suddetto Comitato non si è però accorto, o ha fatto finta di non accorgersi,  che l'OTUC aveva  diffidato fin dal  20 novembre, ovvero 18 giorni prima del  comunicato,  l'Amministratore Delegato di Acqualatina dott. Besson sullo stesso identico argomento chiedendo riscontri urgenti. La diffida è stata inviata in copia anche all'ing. Vagnozzi della Segreteria Tecnica Operativa dell'Ato4 ed è tuttora visibile sul sito  otuclatina.it. Chi sarebbero i miopi nell'occasione? A chi consigliare una visita dall'oculista?

Si assiste, come spesso è già accaduto in passato, alla strana situazione per cui più organismi, di cui uno istituzionale ovvero l'Otuc e altri spontanei e gestiti in maniera insondabile, hanno interessi comuni ma agiscono separatamente e a volte in disaccordo tra loro! L'Otuc si è sempre estraniato dalle polemiche lasciando liberi i Comitati di divertirsi come credono.

Infine tocca segnalare la superficialità con cui alcuni cronisti seguono questi argomenti rendendo così un pessimo servizio alla testata cui appartengono. Capita infatti che i due quotidiani più diffusi in provincia riportino entrambi la notizia del comunicato. Peccato però che uno, evidentemente facendo gli opportuni controlli,  segnali correttamente le due iniziative. L'altro invece pubblica unicamente la versione del Comitato  auspicando in chiusura che l'Otuc intervenga!!  Il cronista evidentemente ha dimenticato di verificare la notizia come deontologia professionale imporrebbe.

OTUC  Latina

 
<< •Inizio• < •Prec.• 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 •Succ.• > •Fine• >>

•Pagina 9 di 18•