Notizie
RICHIESTA DI SANATORIA •PDF• •Stampa• •E-mail•

Durante la riunione del Tavolo Tecnico tra Segreteria Tecnica, Acqualatina e Otuc dello scorso 22 novembre, come OTUC abbiamo avanzato la richiesta di una sanatoria per i comuni di Sezze, Ponza e Ventotene richiedendo la possibilità di una regolarizzazione delle utenze senza penalità o sanzioni.

La richiesta è stata formalizzata in data odierna con una apposita  comunicazione e trova la sua giustificazione nei numerosi problemi sorti dopo il trasferimento della gestione ad Acqualatina alla quale però sono pervnuti archivi di utenze incompleti e spesso con dati errati. Ora occorre attendere la formalizzazione della procedura che durante la riunione è stata accolta con favore.

 

 
INCONTRO CON I CITTADINI - DIBATTITO •PDF• •Stampa• •E-mail•

 

convegno1

L’evento ha lo scopo di informare i cittadini sulle criticità del servizio dal punto di vista sia gestionale che normativo, oltre a fare chiarezza sulle prospettive future attraverso un confronto tra i cittadini e gli attuali responsabili del Sistema Idrico, i parlamentari di zona, le associazioni dei consumatori, le forze sociali e politiche, i comitati civici. 

La richiesta di pubblicizzazione del servizio è diventata un punto fermo di molte amministrazioni ma gli ostacoli sono molto difficili da superare. Sotto esame anche la proposta di legge 2212, già approvata dalla Camera ma che presenta varie criticità, il Decreto che regolamenta la morosità e relativi distacchi, le modifiche ipotizzate alle EATO.

Ingresso libero

Venerdì 11 novembre 2016 ore 16.30  

Circolo Cittadino   Piazza del Popolo  Latina

Info: 338.1662399

 

 
CONFERENZA DEI SINDACI 11-10-2016 •PDF• •Stampa• •E-mail•

Si è tenuta oggi 11 ottobre 2016la Conferenza dei Sindaci con all'ordine del giorno una serie di argomenti piuttosto interessanti: il blocco degli aumenti tariffari, le dimoissioni della parte pubblica dal consiglio di amministrazione di Acqualatina, le modifiche del Regolamento a tutela degli utenti in condizioni economiche disagiate, la richiesta di ricalcolo del Piano Tariffario all'ANEA, l arestituzione ai comuni delle rate dei mutui pagati sugli impianti ceduti.

In merito riportiamo le osservazioni del Codacons, reperibili all'indirizzo www.facebook.com/codacons.latina, sull'andamento della riunione.

" ACQUALATINA: I sindaci bloccano gli aumenti, cercano di pubblicizzare il servizio e modificano il Regolamento

Continua l'aria nuova nella Conferenza dei Sindaci del Sistema Idrico. Oggi 11 novembre è stata decisa la revisione delle tariffe con proposta di abbassamento dei costi a carico degli utenti, le dimissioni dei rappresentanti pubblici in Acqualatina, modifiche al Regolamento nella parte che riguarda la fornitura ai morosi in cattive condizioni economiche e il rimborso ai Comuni dei ratei di mutuo pagati sugli impianti consegnati a Acqualatina secondo contratto.
Una grande ventata di novità a favore dell'utenza a dimostrazione dei nuovi orientamenti politici dell'assemblea che ci fa ben sperare per il futuro.
Una singolare presa di posizione si è avuta poi da un sindaco il quale, alla richiesta di poter intervenire per chiarimenti del presidente OTUC, organismo istituzionale a difesa degli utenti nonché presidente della Lega Consumatori che tanto si è battuta e si batte a favore degli utenti del sud pontino, si è opposto. 
Eppure le associazioni OTUC pontine da anni tutelano i consumatori con centinaia di reclami e conciliazioni, nonché con decine di modifiche al Regolamento e contestazioni varie sia a Acqualatina che alla Segreteria Tecnica e ultimamente anche all'Autorità per il sistema idrico. Si sono inoltre schierate per l'acqua pubblica in occasione dei referendum e tuttora sostengono l'acqua pubblica.. 
L'Otuc non fa manifestazioni di piazza e non suona campanacci sfilando per le strade, ma la sua opera dall'interno del sistema idrico nella difesa del singolo consumatore e nelle modifiche al regolamento è sicuramente una grossa opportunità per l'utenza in genere e specialmente per gli utenti in difficoltà.
Sappiamo bene che i sindaci che seguono costantemente le traversie del sistema idrico, e quindi sono in grado di valutarne le problematiche, possono contarsi sulle dita di una sola mano, ma in questa occasione hanno dimostrato di essere o prevenuti o piuttosto male informati rifiutando un minimo contributo semplicemente informativo da parte di chi ogni giorno si batte per l'utenza da anni."

 

OTUC Latina

 
ESTATE 2016: DA DIMENTICARE •PDF• •Stampa• •E-mail•

Estate da cancellare dalla memoria per gli utenti del  (dis)servizio idrico dell'ATO4 gestiti da Acqualatina.

E' stato un susseguirsi di guasti, interruzioni della fornitura, sospensione notturna per permettere ai serbatoi di ricaricarsi e cosi via. La carenza idrica dovuta alle condizioni meteo è stato certamente un fattore importante, ma le condizioni della rete, le perdite superiori al 60%,  i continui guasti, le autobotti  annunciate e "non pervenute" sono stati certamente fattori che non inducono alla benevolenza gli utenti.

Se a questo si aggiunge anche una a volte miope ed errata politica per perseguire, giustamente, i morosi si raggiunge l'indignazione. Vedasi in proposito quanto denunciato dalla stampa su una supposta e indebita interruzione della fornitura ad una signora ultranovantenne a Terracina.

Il sud pontino è stato maggiormente penalizzato dalla carenza di acqua con conseguenti proteste generalizzate anche da commercianti e operatori turistici che hanno preannunciato azioni legali a fronte delle numerose disdette. 

Negli ultimi giorni di  agosto un altro grosso guasto a una conduttura ha messo a secco Latina e l'intera pianura pontina. E' stato un susseguirsi di annunci contraddittori e confusi tra gestore, comuni, mezzi di stampa. L'unica cosa certa è stato il prolungamento dell'interruzione rispetto ai primi annunci e l'irritazione generale dell'utenza.

Oggi, domenica 4 settembre, apriamo la pagina facebook di Acqualatina e leggiamo i titoli dei primi 10 post:

1. Gaeta - carenza idrica con riduzione/interruzione serale e notturna

2. Comune di Formia / carenza idrica con riduzione serale e notturna

3. Gaeta - carenza idrica con riduzione/interruzione serale e notturna

4. Comune di Formia / carenza idrica con riduzione serale e notturna

5. Comune di Minturno - carenza idrica nel Centro storico e in località Scauri

6. Comuni di Castelforte e Santi Cosma e Damiano - carenza idrica

7. Comune di Fondi - carenza idrica 

8. Comune di Terracina / carenza idrica con riduzione notturna (dalle 23:00 - 06:00 in Loc. Terracina bassa e zona mare)

9. Monte San BIagio: Interruzione Idrica Improvvisa.

10 Comune di Terracina / carenza idrica con riduzione notturna (dalle 23:00 - 06:00 in Loc. Terracina bassa e zona mare)

e così via.

Il testo è sostanzialmente lo stesso, le località e le sorgenti aggiornate secondo necessità.

La causa "carenza idrica", ed ecco la soluzione:

"Acqualatina effettuerà delle manovre di riduzioni serali/notturne"

ovvero operazioni ad alto contenuto tecnologico e complessità adeguata... trattandosi di chiudere qualche saracinesca per permettere ai serbatoi di ricaricarsi per quanto possibile con la poca acqua disponibile. Gli utenti nel frattempo possono usare.. l'acqua minerale!!

Come Otuc abbiamo inviato una nota  richiedendo spiegazioni urgenti e di conoscere il livello di realizzazione della pianificazione  aziendale  in relazione al problema della carenza di acqua.  

E non ci si dica "aspettiamo la pioggia"!

OTUC Latina

 

 

 

 

 

 

 

 
DEPFA BANK: E' LA VERA PROPRIETARIA DI ACQUALATINA? •PDF• •Stampa• •E-mail•

Depfa Bank è la banca irlandese che nel  2007 ha finanziato con oltre 100 milioni di euro Acqualatina inserendo però in contratto un serie di clausole di salvaguardia piuttosto pesanti.

Oggi  la clausola di salvaguardia in caso di avvenimenti giudicati "rilevanti" viene per la prima volta ipotizzata con una comunicazione Depfa  dopo la Conferenza dei Sindaci del 3 agosto u.s. in cui si è concretizzato lo schieramento dei sindaci che richiedono la pubblicizzazione del servizio, rinviano l'approvazione del bilancio, si schierano contro l'ingresso di Acea in sostituzione di Idrolatina nella proprietà privata di Acqualatina,  sconfessano apertamente la gestione societaria.

La conseguenza possibile è che Depfa potrebbe sostituirsi in futuro in Conferenza ai comuni che hanno sottoscritto l'operazione e che detengono la maggioranza delle quote pubbliche. Le conseguenza sono al momento del tutto imprevedibili.

OTUC Latina  

 
<< •Inizio• < •Prec.• 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 •Succ.• > •Fine• >>

•Pagina 3 di 16•