Acqualatina
C.S. ACQUALATINA 29.11.2010 •PDF• •Stampa• •E-mail•

 

COMUNICATO STAMPA

Latina, 29 Novembre 2010

 

Nessun contenzioso in corso tra la Caritas “San Carlo Borromeo” ed Acqualatina S.p.A.

In riferimento a quanto riportato in data 29 Novembre, a pagina 8 del quotidiano “La Provincia ed. LT”, dal titolo “Una parroco contro Acqualatina”, al fine di garantire una corretta informazione e di rispettare il legittimo diritto di replica ai sensi della legge sulla stampa n. 47/1948, è necessario precisare alcuni aspetti.

Non è in corso alcun contenzioso tra il gestore del servizio idrico e la Caritas “San Carlo Borromeo” di Latina: la questione oggetto dell’articolo è da ritenersi già chiarita.

Le fatture menzionate nell’articolo, infatti, sono state emesse sulla base di consumi stimati in automatico e, successivamente, come richiesto dall’utente, conguagliate sulla base delle letture reali.

Il Servizio Clienti di Acqualatina S.p.A., peraltro, ha già provveduto a comunicare all’utente l’esito del trattamento.

 

Servizio Comunicazione Acqualatina S.p.A.

 
C.S. ACQUALATINA 24.11.2010 •PDF• •Stampa• •E-mail•
COMUNICATO STAMPA

Latina, 24 Novembre 2010

Presentato il piano a breve e lungo termine di Acqualatina S.p.A. per la risoluzione del problema dell’arsenico.

Si è tenuta oggi, alla presenza di rappresentanti di Acqualatina S.p.A., della Segreteria Tecnico-Operativa dell’ATO4, dei Comuni di Cori e di Cisterna di Latina, dell’ASL e dell’ARPA Lazio, la conferenza richiesta appositamente dall’Autorità d’Ambito per discutere in materia di arsenico in vista della pubblicazione delle decisioni in materia prese dall’UE per quanto attiene la mancata concessione della deroga.

Tale pubblicazione renderà automaticamente nulla l’autorizzazione tuttora vigente.

Nel corso di questo primo incontro è stato presentato da Acqualatina S.p.A. un piano di azioni a breve e a lungo termine per la risoluzione della problematica nei due Comuni di Cori e Cisterna di Latina, impattati dai nuovi limiti imposti dall’UE per i valori di arsenico.

Per quanti riguarda il Comune di Cisterna di Latina, i cui valori di arsenico sui due terzi del territorio comunale superano i 20 μG/L, sono già in atto i lavori di costruzione di una condotta di captazione che, a partire dal 2012, permetterà di rifornire il Comune direttamente dalla centrale di Ninfa che non mostra presenza di arsenico.

Anche per il Comune di Cori, che vede comunque valori di arsenico mediamente inferiori ai 20 μG/L, il gestore sta predisponendo l’installazione di un impianto di trattamento delle acque.

Questa la soluzione a lungo termine nei due Comuni per riportare i valori sotto il limite consentito dalla legge (10 μG/L).

In attesa della conclusione dei lavori a Cisterna, al fine di sopperire nell’immediato, il gestore ha previsto anche per questa zona l’installazione di un impianto di trattamento delle acque che permetterà un notevole abbattimento dei valori di arsenico.

Durante la riunione Acqualatina S.p.A. ha garantito un piano di monitoraggio straordinario e continuo al fine di rilevare e comunicare prontamente eventuali valori fuori norma alle autorità competenti.

Punto importante della conferenza sono state anche le strategie informa comunicative che saranno mirate, grazie ad un lavoro sinergico con i media e gli studi medici, all’informazione sul corretto utilizzo della risorsa idrica, specie per le fasce più esposte come donne incinte e bambini al di sotto dei 3 anni.

Non appena recepite le direttive UE a livello nazionale e segnalate dal Ministero della Salute le specifiche in materia di utilizzo della risorsa idrica, seguiranno a quello odierno ulteriori incontri finalizzati alla diffusione capillare e puntuale dell’informazione ed alla divisione dei ruoli per ciò che riguarda il rifornimento di strutture pubbliche con servizi sostitutivi.

 

Acqualatina S.p.A. - Comune di Cori – Comune di Cisterna di Latina

 

 
C.S. ACQUALATINA 23.11.2010 •PDF• •Stampa• •E-mail•

COMUNICATO STAMPA

Latina, 23 Novembre 2010

La maggior parte dei Comuni dell’ATO4 presenta valori medi di arsenico al di sotto del limite massimo di 10 μG/L imposto dalla legge.

In riferimento ai dati riportati da diverse testate locali e nazionali in merito alla decisione dell’UE sulle deroghe per i valori di arsenico nell’acqua ad uso potabile, il gestore fornisce alcuni chiarimenti.

Per quanto riguarda l’ATO4 – Lazio Meridionale, occorre specificare che la situazione dell’arsenico è ben distante da quella da più parti descritta in questi giorni.

Alcuni dei Comuni gestiti (Aprilia, Latina, Pontinia, Priverno, Sabaudia e Sezze) hanno presentato in passato valori medi di arsenico superiori ai 10 μG/L consentiti per legge che, però, grazie ad interventi mirati del gestore, nel corso degli anni sono rientrati nella normalità. Altri Comuni come Cori e Sermoneta, invece, nonostante i primi interventi eseguiti, riportano oggi valori leggermente superiori seppur compresi nella soglia di 20 μG/L stabilita dalla Comunità Europea.

Per questi Comuni è stata chiesta una deroga impostata ai limiti massimi del previsto (50 μG/L) anche se la richiesta va intesa con carattere puramente cautelativo in quanto i valori di arsenico per questi Comuni sono al di sotto dei 20 μG/L, come prevede la richiesta di deroga presentata alla Regione Lazio per il 2011.

Tra questi, solamente per i due terzi del territorio del Comune di Cisterna di Latina i valori superano i 20 μG/L, mentre per la restante parte del Comune i valori medi di arsenico sono di poco inferiori ai 20 μG/L (come da tabella in allegato); proprio su questi casi Acqualatina S.p.A. ha concentrato la propria attenzione studiando un piano di azioni a breve e a lungo termine che verrà discusso nella giornata di domani, 24 Novembre 2010, nella conferenza richiesta appositamente dall’Autorità d’Ambito, alla quale parteciperanno rappresentanti, oltreché del gestore e della Segreteria Tecnico-Operativa dell’ATO4, anche dei Comuni di Cori e di Cisterna di Latina, dell’ASL e dell’ARPA Lazio.

Si allegano le cartine rappresentative della situazione al momento della presa in gestione (2004) e ad oggi, nonché la tabella riepilogativa delle medie rilevate nel primo semestre 2010.

 

Servizio Comunicazione Acqualatina S.p.A.


 
C.S. ACQUALATINA 18.11.2010 •PDF• •Stampa• •E-mail•

COMUNICATO STAMPA

Latina, 18 Novembre 2010

Ritrovati 4 proiettili sulla serranda dello sportello Acqualatina di Aprilia.

 

Nelle prime ore della mattinata di oggi, il personale Acqualatina addetto agli sportelli ha constatato la presenza di 4 proiettili da arma da fuoco affissi con un nastro sulla serranda dello sportello di Aprilia; gesto che richiama inequivocabilmente un forte intento intimidatorio, più volte salito agli onori delle pagine più tristi delle cronache locali e nazionali.

I Carabinieri sono celermente intervenuti ed hanno constatato l’inconfondibile natura del gesto, effettuando, altresì, i primi accertamenti.

Grave azione, questa, che si va ad aggiungere alle già numerose aggressioni fisiche e verbali subite dai dipendenti Acqualatina, nonché all’atto vandalico dello scorso mese di Luglio, che ha causato danni alla sede Acqualatina di Aprilia, e che le forze dell’ordine hanno ricondotto al lancio di una bottiglia incendiaria.

Un ulteriore atto di violenza, dunque, sintomo di un pericoloso clima di tensione sociale che costringe il personale Acqualatina, demandato allo svolgimento del proprio compito di pubblico servizio, a lavorare quotidianamente in uno stato di estremo disagio e tensione.

«Sono scandalizzato dalla gravità di questo gesto – dichiara l’AD, Jean Michel Romano – e mi sento in dovere di riportare l’attenzione su quanto sia pericoloso continuare ad usare toni violenti e ad indicare le questioni in atto tra Acqualatina S.p.A. e l’amministrazione comunale di Aprilia con termini aggressivi ed inappropriati, come viene fatto in molte esternazioni e in molti articoli pubblicati che riprendono le affermazioni stesse. Quando si parla di “guerra” riferendosi al confronto sul servizio idrico, anche acceso ma comunque di natura istituzionale, quando si indica l’interlocutore come nemico, si finisce per istigare atteggiamenti che non hanno più nulla di civile ed equilibrato».

«Esprimendo la mia solidarietà e il più totale supporto a tutto il personale impiegato, inoltre, – prosegue Romano -, sollecito un intervento di tipo istituzionale di tutti i rappresentanti delle Autorità competenti al fine di dirimere una situazione di illegalità che va oltre i confini della responsabilità di Acqualatina S.p.A. come gestore di un servizio pubblico essenziale».

 

Servizio Comunicazione Acqualatina S.p.A.

 
C.S. ACQUALATINA 8.11.2010 •PDF• •Stampa• •E-mail•

COMUNICATO STAMPA

Latina, 8 Novembre 2010

 

Risultano assolutamente errate ed infondate le dichiarazioni del Comitato acqua pubblica di Aprilia in merito al nuovo percorso di qualità e trasparenza di Acqualatina S.p.A.

In riferimento alle dichiarazioni del Comitato acqua pubblica di Aprilia, riportate in data 2 Novembre 2010 da diverse testate locali, al fine di garantire una corretta informazione e di rispettare il legittimo diritto di replica ai sensi della legge sulla stampa n. 47/1948, è necessario precisare alcuni aspetti.

Risultano assolutamente errate ed infondate le affermazioni rilasciate dal Comitato acqua pubblica di Aprilia in merito alle ultime iniziative intraprese dalla Società nell’ambito di un percorso già in atto di qualità del servizio e trasparenza nella gestione.

Per quanto attiene la fascia tariffaria agevolata che Acqualatina S.p.A. mette a disposizione delle utenze più deboli, bisogna chiarire che non vi è alcun rimborso o trasferimento previsto da nessun ente.

L’istituzione della tariffa agevolata è una misura adottata dalla Conferenza dei Sindaci e Presidenti delle Province che è, appunto, organo deliberante in materia di tariffa.

Altro argomento, del tutto a sé stante, è quello del Fondo Sociale della Provincia di Latina, iniziativa a cura dell’ente provinciale finalizzata a sostenere le utenze deboli mediante la copertura dei costi per il servizio idrico integrato.

Del tutto infondato risulta quindi quanto sostenuto in merito a debiti e crediti eventualmente maturati in nome di tale iniziativa.

A tal proposito Acqualatina S.p.A. coglie l’occasione per ricordare che il termine per la richiesta di accesso a tali benefici per il 2011 è stato prorogato di un mese al 30 novembre 2010.

In merito alla questione del parametro MALL, relativo alla qualità del servizio, si precisa che, benché questo potrà essere calcolato con precisione solo al termine della prima tranche degli investimenti (che si concluderà nel 2012) e che quindi le divisioni annuali sin qui rese pubbliche sono da considerarsi comunque un’approssimazione, il parametro è costantemente monitorato da Acqualatina S.p.A. e reso noto attraverso la pubblicazione dello stesso nel Rapporto Informativo annuale del gestore.

Prive di fondamento risultano anche le dichiarazioni del Comitato in merito ai punti informativi Acqualatina presso i Comuni .

L’iniziativa, infatti, risponde all’esigenza di una sempre maggiore presenza del gestore sul territorio, necessaria ad ampliare le capacità di risoluzione delle pratiche relative al Servizio Idrico Integrato con una presenza capillare di personale formato a tal fine. Tale progetto è stato accolto con molto interesse nella seduta della Conferenza dei Sindaci in cui è stato presentato.

In merito alle problematiche di natura finanziaria, infine, va ricordato che Acqualatina S.p.A. è costretta a fronteggiare una situazione di grave disagio dovuta ai mancati incassi delle bollette di quota parte degli utenti che pur usufruendo del servizio non corrispondono il dovuto.

Questo atteggiamento risulta lesivo del principio di equità su cui si basa la gestione di un servizio pubblico ed è irresponsabile incitare tali posizioni.

Acqualatina S.p.A., ancora una volta, invita le parti coinvolte ad un confronto che risulti costruttivo ed utile per la collettività, evitando dannose strumentalizzazione e sterili polemiche.

 

Servizio Comunicazione Acqualatina S.p.A.

 
<< •Inizio• < •Prec.• 101 102 103 104 105 106 107 •Succ.• > •Fine• >>

•Pagina 107 di 107•