ESPOSTO OTUC •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

L'assemblea OTUC del 4 marzo u.s. si è conclusa con una importante segnalazione di irregolarità da parte del  Gestore Acqualatina che non avrebbe rispettato tre direttive ARERA. Le associazioni hanno citato vari casi segnalati dall'utenza di violazioni in tema di fatturazione a conguaglio, recupero crediti, gestione della morosità, gestione delle conciliazioni, disalimentazione. 

Il Presidente Villano ha comunicato anche di aver inoltrato un esposto all'Autorità segnalando quanto  gli risultava direttamente. Le associaizioni hanno quindi deliberato di appoggiare la sua iniziativa condividendola anche per  altri aspetti della gestione segnalati con criticità  in quanto non conformi alle disposizioni ARERA emessi a seguito della pandemia in corso. 

Di seguito il comunicato stampa emesso il 7 marzo.

COMUNICATO STAMPA

L’OTUC RILEVA GRAVI IRREGOLARITA’ NEL SERVIZIO IDRICO


PER MANCATA OSSERVANZA DI DISPOSIZIONI ARERA


IN ELABORAZIONE UN ESPOSTO ALL’AGCM

 

Nel corso di una riunione OTUC le Associazioni dei Consumatori hanno rilevato una serie di comportamenti non conformi rispetto alle disposizioni vigenti dell’Autorità di settore. Alla riunione, svoltasi per via telematica in ossequio alle norme anti covid, ha partecipato anche il dirigente della Segreteria Tecnica Operativa ing. Bernolla, al quale è stato richiesto un adeguato intervento.

I principali rilievi rivolti al Gestore riguardano il mancato rispetto delle disposizioni di tre delibere dell’ARERA in materia di:

  • rilevazione delle letture (delibera 218/2016)

  • fatturazione di consumi anteriori a due anni dall’emissione (del. 547/2019)

  • gestione della morosità e relativo recupero (del. 311/2019)

Letture. Le procedure delle rilevazioni di misure sono richiamate anche nella Carta dei Servizi approvate nel 2017 dalla Conferenza dei Sindaci dell'Egato 4 ai punti 5.3 e 5.4. Il Gestore a tutt'oggi non ha mai posto in essere correttamente tali procedure. ma tende a scaricare la responsabilità delle mancate letture sul solo utente.

Fatturazione. Il Gestore nell'inviare le fatture con conguagli per periodi oltre i due anni dall’emissione non rispetta l’art. 3 della delibera dell'Autorità n.547/2019 poiché non segnala la possibilità di richiederne la prescrizione. La norma è estremamente chiara:

“Art. 3 Obblighi del Gestore in caso di fatturazione di importi riferiti a consumi risalenti a più di due anni

3.1 Nel caso di fatturazione di importi riferiti a consumi risalenti a più di due anni, il Gestore è tenuto a dare adeguata evidenza della presenza in fattura di tali importi, differenziandoli dagli importi relativi a consumi risalenti a meno di due anni. A tal fine, in alternativa, il Gestore è tenuto ad integrare la fattura recante gli importi riferiti a consumi risalenti a più di due anni con una pagina iniziale aggiuntiva”.

Tale norma è totalmente ignorata poiché in bollette di conguaglio pervenute a utenti non risulta alcun accenno alla possibilità di richiedere la prescrizione dei periodi scaduti.

Morosità. Leprocedure adottate sono valutate non conformi alla delibera Arera “Regolazione della morosità nel servizio idrico integrato. Procedura per la costituzione in mora.”

Inoltre sono state segnalate difficoltà per altri settori del servizio quali, ad esempio, la Camera di Conciliazione in attesa ancora di aggiornare il relativo Regolamento, nonché per il recupero della morosità, compresa quella di Enti pubblici. Ricordiamo in merito che la morosità di una utenza si recupera mettendolo in tariffa a carico degli utenti regolarmente paganti!

Altro punto dolente segnalato è il problema del dissalatore di Ponza la cui installazione è stata bloccata da iniziative legali del comune e di alcuni privati che contestano l’ubicazione dell’impianto. Poiché la Regione Lazio a fine anno 2020 non ha rinnovato il contributo di 5 milioni per il trasporto dell’acqua potabile via mare, tale costo dovrà essere coperto dalle bollette.

La conseguenza sarà un aumento delle tariffe a carico di tutti gli utenti da aggiungere alle richieste già presentate di adeguamento delle tariffe. Stiamo parlando di una voce di costo la cui genesi risulta incomprensibile considerata la natura del terreno di Ponza che non permette, a detta dei geologi, altri siti altrettanto validi dal punto di vista della sicurezza.

La riunione si è conclusa dando mandato alla Presidenza di inviare una segnalazione all’AGCM in merito ai problemi segnalati.

 
CONVOCATA LA CONFERENZA DEI SINDACI •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

CONFERENZA DEI SINDACI:     1 febbraio 2021

La Conferenza dei Sindaci dell'EGATO 4 Lazio sud è stata convocata in seconda convocazione per il giorno 1 febbraio ore 9.30 presso la Sala Consiliare dell'Amministrazione Provinciale con il seguente Ordine del Giorno:

1. Dotazione Organica dell’Ente - Modifica;

2. Ratei mutui da rimborsare ai Comuni - componente MTP. Ratifica elenco;

3. Subentro di Acqualatina S.p.A. nel servizio acquedotto in comune di Sabaudia;

4. Procedure per il contenimento della morosità.

Il primo punto, Dotazione Organica, prevede finalmente un adeguato potenziamento della Segreteria Tecnica, STO, che per legge deve controllare l’intera gestione del servizio idrico.

Al momento il personale effettivamente dedicato a tale compito, non propriamente semplice, è costituito dal solo Ing. Bernola, controllo che reputiamo di conseguenza piuttosto difficoltoso.

La nuova struttura una volta completata darà sicuramente le migliori garanzie all’utenza sui controlli cui sottoporre il Gestore.

Punto cardine successivo è certamente il quarto sul problema della morosità  considerato che la situazione debitoria dell’utenza per bollette non pagate viene stimata ormai superiore a 150 milioni di euro. Se secondo le direttive ARERA tale somma dovesse effettivamente essere spalmata sulle bollette non certamente economiche cui sono già soggetti gli utenti, ci sarebbe un rincaro della tariffa difficilmente digeribile e l’addebito a carico dei cittadini regolarmente paganti diventerebbe insostenibile.

Da notare che tale massa di soldi, che potrebbe finanziare agevolmente investimenti indispensabili quali ad esempio la diminuzione delle perdite di rete, sembra causata per circa la metà  dalle utenze private, mentre l’ulteriore parte risulterebbe dovuta ai mancati pagamenti di enti pubblici!

M.C.

 
ACQUALATINA: COSA NON FUNZIONA •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

ESPOSTO DELL'OTUC CONTRO ACQUALATINA
CRITICHE PESANTI SULLA GESTIONE

Con una comunicazione inviata ai vari responsabili del Servizio Idrico, abbiamo segnalato i comportamenti assunti da qualche mese da Acqualatina nella sua qualità di gestore, comportamenti  che vengono giudicati ai limiti della decenza se non illegittimi.
La nota elenca una serie di punti che a nostro parere non possono essere taciuti, quali ad esempio la morosità sia per il recupero crediti che per i distacchi. Le indicazioni ARERA, Autorità competente, sembra non siano state eseguite, inoltre si ha notizia di decreti ingiuntivi emessi in periodo di pandemia. Inoltre la Conciliazione risulta tuttora bloccata, il Regolamento del servizio riveduto e corretto è sospeso da più di un anno, quello della Camera di Conciliazione fermo da anni e non aggiornato nonostante ripetute noste richieste.
Questi sono solo alcuni punti, vedremo se ci saranno risposte su tutti!

Ecco l'elenco completo:

1) Conciliazioni paritetiche bloccate da oltre 6 mesi. Alla data odierna la Camera di Conciliazione, prima in Italia, è ancora inattiva dopo la sospensione per motivi sanitari e non se ne comprende il motivo. Non trova giustificazione la sola causa Covid in quanto le conciliazioni con Arera non si sono mai bloccate. E’ stato proposto di farle on line e di firmarle con firma digitale, ma a tutt’oggi continua il silenzio;

2) Riteniamo gravi le disalimentazioni per morosità che sembra si siano effettuate durante il Covid  ignorando la delibera dell’Autorità che ha disposto ai gestori del S.I.I. di sospendere tali attività;

3) I Decreti ingiuntivi per morosità sono continuati durante tutto il periodo del Covid;

4) Da oltre un anno attendiamo di essere convocati per modifiche al Regolamento di Conciliazione paritetica nonostante due lettere di sollecito inoltrate all’amministratore. L’AD si è reso subito disponibile a convocare un tavolo tecnico, ma alle parole non sono mai seguiti i fatti;

5) Abbiamo riscontrato come nelle fatture con ricalcolo di consumi da oltre due anni non viene mai allegata la richiesta precompilata al fine di agevolare l’utente nel richiedere l’avvenuta prescrizione secondo quanto deliberato dall’Autorità;

6) In data 20 giugno u.s. abbiamo inoltrato al Gestore la richiesta di riaprire gli sportelli al pubblico al fine di poter permettere agli utenti di svolgere pratiche personalmente in caso di necessità. Alla data odierna nessuna risposta è pervenuta.

Latina, 29/07/2020
M.C.

 
<< •Inizio• < •Prec.• 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 •Succ.• > •Fine• >>

•Pagina 1 di 57•