CRISI IDRICA: Conferenza dei Sindaci a Formia •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

Conferenza dei Sindaci del 20 giugno.  L'incontro avviene a Formia, a dimostrazione della gravità della crisi idrica nel sud pontino.  Per Acqualatina presenti il Presidente e due membri della Giunta, grande assente l'Amministratore Delegato ing. Besson. Ed è proprio sull'A.D. che si sono scagliati i sindaci chiedendone le dimissioni accusandolo di non aver  effettuato per tempo gli investimenti previsti e finalizzati alla risoluzione della crisi idrica.

Sul come risolvere nell'immediato il problema si sono avanzate due ipotesi, entrambe estremamente gravose. La prima prevede  rifornimenti di emergenza tramite una nave cisterna da Napoli, la seconda  l'installazione di un dissalatore mobile a Gaeta.  Entrambe le soluzioni presentano costi assolutamente elevati, con costo al mc per la sola materia prima sull'ordine di 10  euro per metro cubo. 

Del tutto evidente che tali costi per il gestore dovrebbero finire in bolletta, cosa che farebbe salire ancor di più la tensione in tutta l'ATO4 a fronte di un servizio inefficiente ma dai costi spropositati.  Se risaliamo però alle responsabilità e si dovessero accertare le accuse al gestore di non aver eseguito gli interventi previsti nel passato causando così le condizioni per i problemi attuali, risulta ovvio il rifiuto degli utenti di pagare!

Ne segue che dovrebbe essere Acqualatina a dover accollarsi tali oneri senza riversarli in bolletta e rispondere anche dei danni subiti dagli utenti! Certamente è possibile richiedere l'intervento della regione per ottenere un finanziamento mirato, ma con quali esiti? Nel frattempo continuano le proteste e le iniziative che da più parti sollecitano una soluzione immediata al problema. Si parla di class actiom senza però considerare che una iniziativa del genere porterebbe ad una procedura della durata di qualche anno!

Altre vie legali ce ne sono sicuramente, alcune delle quali saranno all'esame del nostro Direttivo nell'assemblea in programma per martedì 27  giugno.

L'unica buona notizia uscita dalla Conferenza è stata l'approvazione, sia pure con un anno di ritardo, della nuova Carta dei Servizi, modificata in una serie di riunioni congiunte tra STO-ATO4, Acqualatina e OTUC, contenente una serie di modifiche a tutto favore dell'utenza. Meglio tardi che mai!!!