CONFERENZA DEI SINDACI 11-10-2016 •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

Si è tenuta oggi 11 ottobre 2016la Conferenza dei Sindaci con all'ordine del giorno una serie di argomenti piuttosto interessanti: il blocco degli aumenti tariffari, le dimoissioni della parte pubblica dal consiglio di amministrazione di Acqualatina, le modifiche del Regolamento a tutela degli utenti in condizioni economiche disagiate, la richiesta di ricalcolo del Piano Tariffario all'ANEA, l arestituzione ai comuni delle rate dei mutui pagati sugli impianti ceduti.

In merito riportiamo le osservazioni del Codacons, reperibili all'indirizzo www.facebook.com/codacons.latina, sull'andamento della riunione.

" ACQUALATINA: I sindaci bloccano gli aumenti, cercano di pubblicizzare il servizio e modificano il Regolamento

Continua l'aria nuova nella Conferenza dei Sindaci del Sistema Idrico. Oggi 11 novembre è stata decisa la revisione delle tariffe con proposta di abbassamento dei costi a carico degli utenti, le dimissioni dei rappresentanti pubblici in Acqualatina, modifiche al Regolamento nella parte che riguarda la fornitura ai morosi in cattive condizioni economiche e il rimborso ai Comuni dei ratei di mutuo pagati sugli impianti consegnati a Acqualatina secondo contratto.
Una grande ventata di novità a favore dell'utenza a dimostrazione dei nuovi orientamenti politici dell'assemblea che ci fa ben sperare per il futuro.
Una singolare presa di posizione si è avuta poi da un sindaco il quale, alla richiesta di poter intervenire per chiarimenti del presidente OTUC, organismo istituzionale a difesa degli utenti nonché presidente della Lega Consumatori che tanto si è battuta e si batte a favore degli utenti del sud pontino, si è opposto. 
Eppure le associazioni OTUC pontine da anni tutelano i consumatori con centinaia di reclami e conciliazioni, nonché con decine di modifiche al Regolamento e contestazioni varie sia a Acqualatina che alla Segreteria Tecnica e ultimamente anche all'Autorità per il sistema idrico. Si sono inoltre schierate per l'acqua pubblica in occasione dei referendum e tuttora sostengono l'acqua pubblica.. 
L'Otuc non fa manifestazioni di piazza e non suona campanacci sfilando per le strade, ma la sua opera dall'interno del sistema idrico nella difesa del singolo consumatore e nelle modifiche al regolamento è sicuramente una grossa opportunità per l'utenza in genere e specialmente per gli utenti in difficoltà.
Sappiamo bene che i sindaci che seguono costantemente le traversie del sistema idrico, e quindi sono in grado di valutarne le problematiche, possono contarsi sulle dita di una sola mano, ma in questa occasione hanno dimostrato di essere o prevenuti o piuttosto male informati rifiutando un minimo contributo semplicemente informativo da parte di chi ogni giorno si batte per l'utenza da anni."

 

OTUC Latina