Governance •PDF• •Stampa• •E-mail•

L'OTUC dell'ATO4 - Lazio Meridionale è composto dai rappresentanti delle Associazioni dei consumatori riconosciute e iscritte al Comitato Regionale degli Utenti e Consumatori (CRUC): Adiconsum Regione Lazio, Adoc Latina, Assoutenti Lazio, La Casa del Consumatore Lazio, Cittadinanzattiva Lazio, Codacons, Codici Onlus, Confconsumatori Lazio, Federconsumatori Lazio, Lega Consumatori Lazio, Movimento Consumatori, Unione Nazionale Consumatori, Associazione Diritti Pedoni, Altroconsumo, Autem, Aduc, Casa dei Diritti Sociali Focus, Constribuenti.it, Unuss.

 
 

All'interno dei rappresentati delle Associazioni viene eletto il Consiglio direttivo che resta in carica tre anni. Nel caso in cui per dimissioni, o per qualsiasi altra causa, vengano a mancare uno o più componenti dell’ Organismo, il Presidente ne dà immediata comunicazione all’associazione di appartenenza, invitandola a designare un ulteriore rappresentante.

Presidente Antonio Villano               
Lega consumatori
   
Consiglio di Presidenza     
Massimo Cusumano Codacons
  Angela Verrengia Cittadinanzattiva

Inoltre sono state costituite altre due commissioni:

1. Commissione Comunicazioni, responsabile dei rapporti con i giornalisti, media e del sito web.

2. Commissione Tecnica, responsabile dell'aggiornamento dele Regolamento, Carta dei Servizi, tariffe, moratorie, agevolazioni. 

 

L'OTUC  E   GLI   UTENTI  DELL'ATO4

di Antonio VILLANO

Circa due anni or sono, nella mia qualità di Presidente Provinciale della Lega Consumatori di  Formia,  sono stato incaricato di presiedere l’OTUC   (Organismo Tutela  Utenti e Consumatori del Servizio Idrico Integrato), istituito   con  legge regionale e composto da rappresentanti delle associazioni    di consumatori,  con funzioni  di controllo e tutela dei consumatori stessi.

 

La mia personale opinione è quella per cui è necessario  incrementare il ricorso alle conciliazioni   che siano frutto di  transazioni tra  le grandi società di servizi e le associazioni di consumatori. E’ necessario cioè  che il dialogo con le società di servizi  sia produttivo di    documenti e regolamenti concordati e condivisi  come è, peraltro, espressamente previsto dalla normativa vigente.

 

In tal senso l’OTUC e le associazioni che lo compongono   hanno ottenuto importanti  risultati perché Acqualatina e ATO  4 hanno accolto  numerosi suggerimenti e modifiche del regolamento  del SII e alla Carta dei Servizi, rivedendo non solo  l’importo delle penali e delle sanzioni da addebitare agli utenti a seconda della  gravità della violazione commessa ma  anche  e soprattutto prevedendo l’eliminazione totale di penali  ovvero disciplinando   in modo più favorevole all’utente  determinate fattispecie e casistiche ricorrenti.

 

In tale prospettiva,  si  è rivelata vincente l’ idea di  realizzare la Camera di Conciliazione con Acqualatina,  cioè lo   strumento  attraverso il quale l’utente ha percepito in modo immediato l’effetto dell’azione  e dei risultati ottenuti dalle associazioni di consumatori.

 

E’ evidente che la sua  realizzazione  è stata possibile perché condivisa  dalle associazioni dei consumatori della provincia che hanno dato e continuano a dare un contributo prezioso  e  dalla stessa  governance di Acqualatina oltre che dall’ATO 4 ed ha consentito  di evitare il ricorso a costosi  e lunghi rimedi giurisdizionali.

 

Ulteriori  importanti iniziative dell’Otuc per diffondere nel consumatore la conoscenza stessa dei servizi  offerti è stata la creazione del sito  dell’Otuc: esso non solo  costituisce un mezzo per diffondere negli utenti e nei visitatori  la conoscenza dei progressi ottenuti  dal lavoro delle associazioni dei consumatori nel campo della risorsa idrica, ma consente anche alle associazioni stesse  di recepire le  problematiche  degli  utenti e, traducendole in termini statistici, attivarsi per eliminarne le cause o suggerire soluzioni.

 

L’Otuc ha anche  realizzato e distribuito una brochure con finalità informative e di divulgazione dei servizi  utilizzabili dal cittadino per la risoluzione delle problematiche  sulla risorsa idrica.

Antonio VILLANO

Presidente  OTUC