C.S. LEGA CONSUMATORI 8.3.2013 •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

La Presidenza della Lega Consumatori ha emesso il seguente comunicato stampa in relazione ad una interruzione del servizio idrico ad un cittadino.

 

LEGA CONSUMATORI DELLA PROVINCIA DI LATINA

L’INTERRUZIONE DEL SERVIZIO IDRICO DA PARTE DI ACQUALATINA NONOSTANTE
AVESSE PROPOSTO UN LEGITTIMO RECLAMO AVVERSO UNA FATTURA CHE RITENEVA
INIQUA E TROPPO ONEROSA, COMUNQUE NON CORRETTA.
IN BARBA ALLE SPECIFICHE DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI, ACQUALATINA
RESPINGEVA LA RICHIESTA DELL’UTENTE DI IMMEDIATA RIATTIVAZIONE DEL SERVIZIO
IN QUANTO PENDENTE ANCORA UN REGOLARE RECLAMO, ANZI CONDIZIONAVA LA
RIATTIVAZIONE DEL SERVIZIO AL PAGAMENTO DI UNA SOMMA A TITOLO DI ACCONTO.
E CIO’ IN ESPRESSA VIOLAZIONE CON QUANTO DISPOSTO DAL REGOLAMENTO DEL
S.I.I. CHE PREVEDE - COME CONCORDATO CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI -
CHE, IN CASO DI RECLAMO, L’ESECUTIVITA’ DELLA FATTURA IMPUGNATA VIENE
SOSPESA FINO ALL’ESITO DEL RECLAMO ED EVENTUALE SUCCESSIVO TENTATIVO DI
CONCILIAZIONE.
LA LEGA CONSUMATORI, SEDE DI FORMIA, INVITA FORMALMENTE IL GESTORE DEL
S.I.I., A RISPETTARE GLI ACCORDI CONVENUTI CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI
NELL’INTERESSE DEI CITTADINI UTENTI CHE HANNO IL DIRITTO DI IMPUGNARE E
RECLAMARE LE FATTURE CHE RITENGONO INGIUSTE ED ECCESSIVE COSI’ COME HANNO IL
DIRITTO DI VEDER CONCLUSO UN PROCEDIMENTO DI RECLAMO E/O CONCILIATIVO
PRIMA CHE IL GESTORE PASSI ALLE CD” VIE DI FATTO”
ACQUALATINA NON DEVE DIMENTICARE CHE L’ACQUA E’ UN BENE ESSENZIALE
ALLA VITA DELLE PERSONE E NON E’ ACCETTABILE CHE IL GESTORE UTILIZZI LO
STRUMENTO DELLA SOSPENSIONE DEL SERVIZIO, DISATTENDENDO GLI ACCORDI
SOTTOSCRITTI CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI A LIVELLO TERRITORIALE E
RATIFICATI DALLA CONFERENZA DEI SINDACI DELLA PROVINCIA DI LATINA.
LA LEGA CONSUMATORI FORNIRA’ DOCUMENTAZIONE DETTAGLIATA ALL’ATO4 AL
FINE DI PRENDERE PROVVEDIMENTI SULL’OPERATO DELLA SOCIETA’ ACQUA LATINA
INFINE LA LEGA CONSUMATORI INVITA IL GESTORE A PRESTARE MAGGIORE
ATTENZIONE ALLA MANUTENZIONI DELLA RETE IDRICA COMUNALE PER RIPARARE LE
NUMEROSE PERDITE IDRICHE CHE INTERESSANO IL TERIRITORIO DI MOLTE CITTA’, TRA
CUI FORMIA E MINTURNO. DA GIORNI E SETTIMANE, INFATTI, ASSISTIAMO A FIUMI DI
ACQUA POTABILE CHE SI RIVERSANO SULL’ASFALTO (VEDASI VIA S.JANNI IN FORMIA O
VIA BALORDA IN MINTURNO) E POSSONO ADDIRITTURA COSTITUIRE PERICOLO E/O
INSIDIA PER I CITTADINI.
Il Presidente Provinciale Lega Consumatori
Prof. Antonio VILLANO
COMUNICATO STAMPA


NEI GIORNI SCORSI LA LEGA CONSUMATORI SEDE DI FORMIA HA DOVUTO
REGISTRARE UN INCRESCIOSO EPISODIO ACCADUTO AD UN CITTADINO CHE HA SUBITO
L’INTERRUZIONE DEL SERVIZIO IDRICO DA PARTE DI ACQUALATINA NONOSTANTE
AVESSE PROPOSTO UN LEGITTIMO RECLAMO AVVERSO UNA FATTURA CHE RITENEVA
INIQUA E TROPPO ONEROSA, COMUNQUE NON CORRETTA.
IN BARBA ALLE SPECIFICHE DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI, ACQUALATINA
RESPINGEVA LA RICHIESTA DELL’UTENTE DI IMMEDIATA RIATTIVAZIONE DEL SERVIZIO
IN QUANTO PENDENTE ANCORA UN REGOLARE RECLAMO, ANZI CONDIZIONAVA LA
RIATTIVAZIONE DEL SERVIZIO AL PAGAMENTO DI UNA SOMMA A TITOLO DI ACCONTO.
E CIO’ IN ESPRESSA VIOLAZIONE CON QUANTO DISPOSTO DAL REGOLAMENTO DEL
S.I.I. CHE PREVEDE - COME CONCORDATO CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI -
CHE, IN CASO DI RECLAMO, L’ESECUTIVITA’ DELLA FATTURA IMPUGNATA VIENE
SOSPESA FINO ALL’ESITO DEL RECLAMO ED EVENTUALE SUCCESSIVO TENTATIVO DI
CONCILIAZIONE.
LA LEGA CONSUMATORI, SEDE DI FORMIA, INVITA FORMALMENTE IL GESTORE DEL
S.I.I., A RISPETTARE GLI ACCORDI CONVENUTI CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI
NELL’INTERESSE DEI CITTADINI UTENTI CHE HANNO IL DIRITTO DI IMPUGNARE E
RECLAMARE LE FATTURE CHE RITENGONO INGIUSTE ED ECCESSIVE COSI’ COME HANNO IL
DIRITTO DI VEDER CONCLUSO UN PROCEDIMENTO DI RECLAMO E/O CONCILIATIVO
PRIMA CHE IL GESTORE PASSI ALLE CD” VIE DI FATTO”
ACQUALATINA NON DEVE DIMENTICARE CHE L’ACQUA E’ UN BENE ESSENZIALE
ALLA VITA DELLE PERSONE E NON E’ ACCETTABILE CHE IL GESTORE UTILIZZI LO
STRUMENTO DELLA SOSPENSIONE DEL SERVIZIO, DISATTENDENDO GLI ACCORDI
SOTTOSCRITTI CON LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI A LIVELLO TERRITORIALE E
RATIFICATI DALLA CONFERENZA DEI SINDACI DELLA PROVINCIA DI LATINA.
LA LEGA CONSUMATORI FORNIRA’ DOCUMENTAZIONE DETTAGLIATA ALL’ATO4 AL
FINE DI PRENDERE PROVVEDIMENTI SULL’OPERATO DELLA SOCIETA’ ACQUA LATINA
INFINE LA LEGA CONSUMATORI INVITA IL GESTORE A PRESTARE MAGGIORE
ATTENZIONE ALLA MANUTENZIONI DELLA RETE IDRICA COMUNALE PER RIPARARE LE
NUMEROSE PERDITE IDRICHE CHE INTERESSANO IL TERIRITORIO DI MOLTE CITTA’, TRA
CUI FORMIA E MINTURNO. DA GIORNI E SETTIMANE, INFATTI, ASSISTIAMO A FIUMI DI
ACQUA POTABILE CHE SI RIVERSANO SULL’ASFALTO (VEDASI VIA S.JANNI IN FORMIA O
VIA BALORDA IN MINTURNO) E POSSONO ADDIRITTURA COSTITUIRE PERICOLO E/O
INSIDIA PER I CITTADINI.
.
Il Presidente Provinciale Lega Consumatori
Prof. Antonio VILLANO

 

 
RIMBORSO DELLE QUOTE DEPURAZIONE NON DOVUTE •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

Ha avuto inizio nei giorni scorsi la procedura di restituzione da parte di Acqualatina delle quote depurazione non dovute in accordo al decreto attuativo della sentenza n.335/2008 della Corte di Cassazione e la conseguente normativa.

Agli utenti aventi diritto, ovvero che non usufruiscono del servizio di  depurazione ma che hanno pagato in passato la relativa quota, perviene in questi giorni una comunicazione riportante la somma spettante. Le prime 500 lettere sulle 2500 previste sono state già spedite.

Nella comunicazione si specifica che verrà emessa una nota di credito per l'importo indicato che verrà detratto dalla prima fattura di prossima emissione.

Nella comunicazione è lasciata facoltà all'utente di richiedere in alternativa la restituzione della somma inviando una semplice comunicazione in tal senso ad Acqualatina via fax (199 50 50 58) o posta elettronica o ordinaria. E' sempre possibile poi richiedere il rimborso agli sportelli di Acqualatina o agli Sportelli Comunali.

L'Otuc, che ha partecipato a determinare la procedura adottata insieme alla STO dell'ATO4 e ad Acqualatina,  è naturalmente a disposizione degli utenti tramite le Associazioni aderenti per informazioni o l'inoltro via fax della richiesta.

Naturalmente è previsto anche il pagamento degli interessi legali sulle somme restituite, interessi che saranno accreditati nella prima fattura emessa successivamente al calcolo del rimborso. Eventuali interessi passivi addebitati all'utente per lo stesso servizio non goduto, verranno anche integralmente restituiti.

L'elenco degli aventi diritto al rimborso, limitato per motivi di privacy al solo codice cliente,  è riportato sul sito Acqualatina ed è  visibile CLICCANDO QUI. Qualora qualche utente ritenesse di aver diritto al rimborso ma non trova il suo nome negli elenchi, deve presentare  una richiesta in tal senso  ad Acqualatina. La richiesta può essere inoltrata via email all’indirizzo •Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.• avente come oggetto “Restituzione quote depurazione sentenza 335/2008”, oppure alla casella postale del Gestore (Latina CPO 04100), o ancora richiederla telefonicamente al numero verde 800 085 850 di Acqualatina S.p.A. È possibile rivolgersi anche agli sportelli territoriali di Acqualatina S.p.A. e a quelli delle Associazioni dei Consumatori aderenti all’OTUC.

 
LE TARIFFE 2013 •PDF• •Stampa• •E-mail•
Avvisi e Notizie

Sono state pubblicate sul Bollettino della Regione Lazio il 29 gennaio u.s. le nuove tariffe 2013 da applicarsi  nell'ATO4.

La determinazione delle tariffe è passata per competenza all'AEEG, ovvero l'Autorità per l'Energia Elettrica ed il Gas a seguito dello scioglimento delle ATO al 31 dicembre 2012.

Questo fatto  non suscita nei consumatori alcuna aspettativa, anzi a ben vedere come viene gestita dall'AEEG  l'energia in Italia e quali sono i costi relativi in perenne aumento sempre scaricati sugli utenti, c'è da preoccuparsi seriamente. Ad esempio prendiamo il metano: la materia prima diminuisce, il costo pagato al produttore è un segreto di stato, il costo all'utente è in perenne aumento perchè agganciato ai carburanti!! Questa è un esempio semplicistico, ma estremamente indicativo di come vengono trattati i cittadini.

Le tariffe ATO4 comunque sono pubbliche e potete leggerle CLICCANDO QUI. Ovviamente è in piena contestazione l'aliquota del 7% depennata dal referendum ma esplicitamente addebitata finora. Per il 2013 si aspetta che l'AEEG decida in merito e dia istruzioni ai gestori per la restituzione delle somme pagate dal 21 luglio 2011 al 31dicembre 2012 secondo la sentenza del Consiglio di Stato n. 267 del 25 gennaio 2013.

Verranno restituite? In che modo? Quando? Domande al momento senza risposta, indiscrezioni di vario tipo che circolano ma che, specie in tempi di elezioni, vanno prese con le dovute cautele. Speriamo che l'AEEG non confonda l'acqua con il gas!

 
<< •Inizio• < •Prec.• 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 •Succ.• > •Fine• >>

•Pagina 11 di 23•